Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE CORRISPONDENZE AMOROSE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Lui se firma Mughetto e lei Viola,
je scrive sur giornale, lo so io:
ma nun parlate, pe' l'amor de Dio,
che me dà la licenza a la spagnola.

Se paga du' bajocchi la parola;
un giorno che je scrisse: Idolo mio!
Aspetterotti, Bacerotti, addio,

sai quanto spese? Mezza lira sola.

Lui, prima, annava a casa; dar momento
ch'er boccio se n'accorse, cominciorno
a daje co' l'avvisi a pagamento.

E mó er marito manco se l'immaggina
che queli dua, co' pochi sòrdi ar giorno,
je metteno le corna in quarta paggina.



Questa poesia è stata letta 1024 volte