Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'INGIUSTIZZIE DER MONNO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Canalino che senti di' «cleptomania»
è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe' lui nun c'è nessuna malatia
che j'impedisca d'esse condannato!

Così va er monno! L'antra settimana
che Teta se n'agnede cór sartore
tutta la gente disse: — È una puttana. —

Ma la duchessa, che scappò in America
cór cammeriere de l'ambasciatore,
— Povera donna! — dissero — È un'isterica!...



Questa poesia è stata letta 1999 volte