Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quer mi’ curato ha sta manía curiosa
Che in tutto vò fficcà la riliggione.
La mette a ppranzo, a ccena, a ccolazzione,
Ner camminà, nner ride, in oggni cosa.

Arriva ar punto sto prete bbuffone,
Che cquanno a ccarnovale io sposai Rosa
Me disse ch’ er cunzumo de la sposa
S’aveva da pijjà cco ddivozzione.

Io?! Co la furia che mm’intese ssciojje
Me je bbutai addosso a ccorpo morto
Senza manco penzà che mm’era mojje.

Sarebbe er madrimonio un ber conforto,
Quanno er cacciasse quer tantin de vojje
Sce diventassi un’ Orazzione all’Orto!

23 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 394 volte