Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Voi sentite una madre. Ammalappena
La cratura c’ha ffatta ha cquarche ggiorno,
Ggià è la prima cratura der contorno,
E ssi jje dite che nun è, vve mena.

Conossce tutti, disce tutto, è ppiena
D’un talento sfonnato, è ffatta ar torno,
Va cquasi sola, è ttosta come un corno,
E ttant’antri prodiggi ch’è una sscena.

E sta prodezza poi sarà un scimmiotto,
Tonto, mosscio, allupato, piaggnolone,
Pien de bbava e llatime e ccacca-sotto.

A le madre, se sa, li strilli e ’r piaggne v Je pareno ronnò dde Tordinone.
Le madre ar monno sò ttutte compaggne.

26 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 801 volte