Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Pe mmantené mmi’ mojje, du’ sorelle,
E cquattro fijji io so c’a sta fuscina
Comincio co le stelle la matina
E ffinisco la sera co le stelle.

E cquanno ho mmesso a rrisico la pelle
E nnun m’arreggo ppiú ssopr’a la schina,
Cos’ho abbuscato? Ar zommo una trentina
De bbajocchi da empicce le bbudelle.

Eccolo er mi’ discorzo, sor Vincenzo:
Quer chi ttanto e cchi ggnente è ’na commedia
Che mm’addanno oggni vorta che cce penzo.

Come!, io dico, tu ssudi er zangue tuo,
E ttratanto un Zovrano s’ una ssedia
Co ddu’ schizzi de penna è ttutto suo!

26 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 392 volte