Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun parlate co mmé dde riliggione
De vertú, de misteri e de peccati,
Perch’io sciò ppreti in casa, e jj’ho affittati
Bbravi letti co bbona locazzione.

Dunque è inutile a ddí ttante raggione
Sur diggiuno, sur Papa e ssu li frati.
Questi sò ttutti affari terminati
Ner Concijjo de trenta e ppiú pperzone.

Li du’ inquilini mii sò mmissionari,
E pprèdicheno in piazza, e in conzeguenza
È cchiaro che non ponno èsse somari.

Dicheno lòro c’a pparlà de fede
Sce s’arimette sempre de cusscenza.
Cqui nun z’ha da capí mma ss’ha da crede.

27 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 551 volte