Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Caro sor cul-de-piommo, io ve la dico
Co llibbertà ccristiana: a mmé la ggente
C’ha pper estinto de nun fà mmai ggnente
L’ho a ccarte tante e nnu la stimo un fico.

Dio ne guardi sto vizzio a ttemp’antico
Si l’aveva Iddio Padre onnipotente;
Er monno nun nassceva un accidente,
E nnoi mó nnun staressimo in Panico.

A ttutto ha d’arrivà la Providenza!
E ssempre se va avanti co lo spero
E cce sarà er Ziggnore che cce penza.

Grattapanze futtute! e cche! er Ziggnore
L’hanno pijjato a ccòttimo davero?
Lavorate, per dio! Pane e ssudore.

11 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 259 volte