Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ARRAMPICHÍNO

Giuseppe Gioacchino Belli

Gaspero, ssceggne ggiú dar credenzone:
Ssceggne, te dico, ssceggne, demoniaccio.
Ma davvero oggi tu vvòi dà er bottaccio
A ’ggni patto pe sfràggnete er cestone?

Gaspero, nun me fà ppijjà er bastone,
Ch’io me sceco e Ddio sa ccosa te faccio.
Sai che cce metto a sfracassatte un braccio?
Quanto a spreme una coccia de limone.

Ggià mme l’aspetto: tu vvòi fà er miracolo:
Tu ffinischi cor vol de Simommàgo:
Tu mme vòi fà vvedé cquarche spettacolo.

Cristo mio nazzareno croscifisso!
Che ss’abbi da stà ssempre co sto spago
Ner core!... Jeso, che ccapo d’abbisso!

15 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 1139 volte