Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA BBOCCA DE MMÈSCIA

Giuseppe Gioacchino Belli
Come sarebbe a ddí cquer muso bbrutto?
Ch’è stato? nun je va la semmolella?
Sa cche nnova je do? Chi nun vò cquella Nun c’è antro, e sse maggna er pan assciutto.

Cqua nun zerve de fà bbocca a ssciarpella:
Prima la semmolella, e ppo’ er presciutto.
L’omo de garbo ha da piascejje tutto,
Fussi puro er ripien de le bbudella.

È inutile co mmé dd’arzà la vosce.
Maggnate, e zzitto; e aringrazziate Iddio
Co la fronte pe tterra e a bbraccia in crosce.

Ciamancherebbe mò st’antra scoletta
De nun volé mminestra. Eh, ffijjo mio,
Voi ve puzza la ggrasscia: eccola detta.

15 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 1194 volte