Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

VENT’ ORA E UN QUARTO

Giuseppe Gioacchino Belli
Su, cciocchi, monci, mascine da mola:
Lesti, ché ggià è ffinita la campana.
Ch’edè? Vv’amanca una facciata sana?
È ppoco male; la farete a scola.

Via, sbrigàmose, alò, cch’er tempo vola;
Mommó ddiluvia e la scola è llontana.
Nun è vvaganza, no: sta sittimana
Don Pio nun dà cc’una vaganza sola.

Dico eh, nun zeminamo cartolari:
Nun c’incantamo pe le strade: annamo
Sodi, e a scola nun famo li somari.

Scola santa! e cchi è cche tt’ha inventato!
Quadrini bbenedetti ch’io ve chiamo!
Che rriposo de ddio! che ggran rifiato!

15 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 1057 volte