Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI BISOGNI DE LA GIUSTIZZIA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Ah, certo, l'avvocato difensore
me fece una difesa commovente!
— Voi — disse — condannate un innocente!

Pietro Palletti è un giovane d'onore! —
Ma sì! Perdeva er tempo inutirmente:
quer possin'ammazzallo der pretore
seguitava a parlà con un signore
che manco la vergogna de la gente!

E sapete chi era? Lo strozzino
che je sconta l'effetti: tant'è vero
che je messe un pappié sur tavolino;

lui l'infilò ner Codice Penale
eppoi me condannò soprapensiero
propio a tre mesi come la cambiale!



Questa poesia è stata letta 764 volte