Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CEL DE BBRONZO

Giuseppe Gioacchino Belli

È inutile ch’er tempo sciariprovi.
Scopri appena du’ nuvole lontane,
E arïecco dà ssú le tramontane,
E da capo è impussibbile che ppiovi:

Disce a vvedé le campaggne romane
È un pianto, è un lutto, sò ffraggelli novi.
Li cavalli, le pecore, li bbovi
Manco troveno l’acqua a le funtane.

Nun c’è ggnisun procojjo o mmassaría,
Che ppe la sete e la penuria d’erba
Vadi assente da quarche appidemía.

Moreno inzin le bbufole e li bbufoli!
St’anno, si la Madon de la Minerba
Nun ce penza, se maggna un par de sciufoli.

17 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 357 volte