Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ecco cosa vò ddí ll’èssese avvezzi
A ddisprezzà l’età: sse va, sse svícola,
E vviè la vorta poi che sse pericola
E sse sconteno tutti li disprezzi.

Pe nnun volé er bastone oggi er zor Ghezzi
Propio a le colonnette de Pubbricola,
È ccascato e ss’è rrotta una gravicola
E la nosce der collo in cento pezzi.

La coccia de li vecchi è una gran coccia.
Vònno fà a mmodo lòro: e Iddio ne guardi
Conzijjalli! ve pijjeno in zaccoccia.

Sospettosi, lunatichi, testardi,
Pieni de fernesie ne la capoccia,
E spinosi, per dio, ppiú de li cardi.

17 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 344 volte