Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er giusto, fijji, fateve capasce,
Pe cquanto mai sia stato peccatore,
Campa co la cusscenza sempre in pasce,
E spira ne le bbraccia der Ziggnore.

Vive in grazzia de tutti, e cquanno more
A ttutti li cristiani je dispiasce;
E oggnuno piaggne, e ddisce co ddolore:
«È mmorto er giusto e in zepportura jjasce».

Mentre l’anima sua j’essce de bbocca,
Un formicaro d’angeli la pijja,
La porta in Celo, e gguai chi jje la tocca.

Li diavoli je manneno saette,
E ll’angeli je danno la parijja;
E la cosa finissce in barzellette.

21 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 520 volte