Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE SCIARLETTE DE LA COMMARE

Giuseppe Gioacchino Belli

Dico, diteme un po’, ssora commare,
Che sset’ita discenno a Mmadalena
Che llui me pista, e nun c’è ppranzo e ccena
Che ffinischi tra nnoi senza caggnare?

Ebbè? Ssi Ustacchio me bbastona, è affare
Da pijjavvene mó ttutta sta pena?
Che importa a vvoi? Me mena, nun me mena,
È mmarito e ppò ffà cquer che jje pare.

Che vve n’entra in zaccoccia, sora ssciocca,
De li guai nostri? Voi, sora stivala,
Impicciateve in quello che vve tocca.

Vardela llí sta scianca a ccressceccala!
Lei se tienghi la lingua in ne la bbocca,
E ss’aricordi er fin de la scecala.

24 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 385 volte