Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VEDOVA AFFRITTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Nun me ne so ddà ppasce, ah ppropio nò.
Quer giorno, Andrea, che l’incontrassi tu,
Tornò a ccasa la sera, se spojjò,
Aggnéde a lletto, e nun z’è arzato ppiú.

L’unico mi’ conforto è cche spirò
La matina der Core de Ggesú.
Pe mmé è stata una perdita però
Che ffo ppropio miracoli a stà ssú.

Un omo ch’era un Cèsere! Vedé
Morí un campione che a rraggion d’età
Cquasi poteva chiude l’occhi a mmé!

Bbasta, Iddio m’ha vvorzuta visità.
Lui se l’è ppreso, e ssaperà pperché.
Sia fatta la su’ santa volontà.

28 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 389 volte