Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po' se troveno l'amante...
Lei, in cinquantanni, nu' l'ha mai tradito!

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
che je voleva fa' lo spasimante
je disse: — V'arigalo 'sto brillante
se venite a pijavvelo in un sito. —

Un'antra, ar posto suo, come succede,
j'avrebbe detto subbito: — So' pronta. —
Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;

anzi je disse: — Stattene lontano... —
Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,
ancora ce se mozzica le mano!



Questa poesia è stata letta 3022 volte