Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Povera fijja mia! Una regazza
Che vvenneva salute! Una colonna!
Viè una frebbe, arincarza la siconna,
Aripète la terza, e mme l’ammazza.

Io l’avevo invotita a la Madonna.
Ma inutile, lei puro me strapazza.
Ah cche ppiaga, commare! che ggran razza
De spasimi! Io pe mmé nun zò ppiú ddonna.

Scordammene?! Eh ssorella, tu mme tocchi
Troppo sur farzo. Io so cc’a mmé mme pare
De vedemmela sempre avanti all’occhi.

Fijja mia bbona bbona! angelo mio!
Tuta mia bbella! visscere mie care,
Che tt’ho avuto da dà ll’urtimo addio!

28 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 374 volte