Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI FIJJI CRESSCIUTI

Giuseppe Gioacchino Belli

Questi li vostri fijji?! Guarda, guarda
Che ppezzi de demoni! E ppare jjeri
Quanno abbitavio a le stalle d’Artieri
C’uno era un’aliscetta, uno una sarda!

Ve se sò ffatti du’ stangoni veri.
Nun ce manc’ antro cqua, ssora Bennarda,
Che mmuntura, giaccò, schioppo e ccuccarda
Pe ddà ar Papa un ber par de granattieri

Come scarrozza er tempo! Ggià ddiescianni
Passati com’un zoffio! Eh, nnun c’è ccaso,
Li piccinini cacceno li granni.

Antro cqua cche Ggolía e che Ssanzone!
Ce vò la scala pe ttoccajje er naso.
Cos’è er monno! È una gran meditazzione.

30 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 344 volte