Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VECCHIA TROTTATA

Giuseppe Gioacchino Belli

A sti tempacci nostri è nnescessario
C’una zitella pe ppijjà mmarito
Abbi prima de tutto partorito,
O rrotto er porticin der zeminario.

Chi nun ingabbia a ttempo er zu’ canario
Se fa vvecchia e nun trova antro partito.
E, a la peggio, la panza è un riquisito
Pe ottené pprotezzione dar Vicario.

Quanno nun v’arïeschi èsse sposate
Pe sta strada, pe cquella de l’onore
Nun zerve, fijje mie, che cce penzate.

Ché appena cominciate a ffà l’amore,
Viengheno ste donnacce maritate,
Je la danno, e vve lasseno a l’odore.

31 gennaio 1835

Questa poesia è stata letta 300 volte