Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

RICCIOTTO DE LA RITONNA

Giuseppe Gioacchino Belli

Chi? Vvoi? dove? co quella propotenza?
Voi sete er gruggno de spaccià cqui accosto?
Voi cqua, pper dio, nun ce piantate er posto
Manco si er Papa ve viè a ddà lliscenza.

Via sti canestri, aló, bbrutta schifenza.
E cc’è ppoco co mmé da facce er tosto,
Ch’io sò ffigura de maggnatte arrosto
E mme te metto all’anima in cusscenza.

Si tte scechi de fà ’n’ antra parola,
Lo vedi questo? è bbell’e ppreparato
Per affettatte er fiataccio in ne la gola.

State pe ttistimoni tutti quanti
Che sto ladro de razza m’ha inzurtato
E mm’è vvienuto co le mano avanti.

1 febbraio 1835

Questa poesia è stata letta 428 volte