Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MORTORIO DE LA SORA MITIRDA

Giuseppe Gioacchino Belli

Zitto... ecco che la porteno, Presede.
Senti?... intoneno adesso er risponzorio.
Guarda... principia ggià a sfilà er mortorio.
Bbeata lei e cchi la pò arivede!

Oh a cquest’anima sí cquasi è de fede
Ch’è inutile la messa a Ssan Grigorio.
Oh cquesta nun ha ttocco er Purgatorio
Manco coll’oggna d’un detin de piede.

Commare mia, è mmorta una gran donna,
C’aveva pe l’affritto e ’r poverello
Tutta la carità de la Madonna.

In quelo stato e cco cquer viso bbello
Trovene ar monno d’oggi la siconna
Che ttratti chi nun ha ccome un fratello.

2 febbraio 1835

Questa poesia è stata letta 382 volte