Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’AMMALATIA DER PADRONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Sta mmale accusí bbene, poverello,
Che mmó ha ffatto inzinenta l’occhi storti;
E er medico, che Cristo se lo porti,
Disce che ttutto er male è in ner cervello.

Piaggne, smania, sospira,... pe un capello
Va ssu le furie... e in ne l’inzurti forti
Nun ved’antro che ccasse, bbeccamorti
Curati, sepporture, farfarello...

Io pe mmé jje l’ho ddetto a la padrona:
«Siggnora mia, ma pperché nnun provamo
Quarc’antra mediscina che ssia bbona?»

Ggnente. Lei me se striggne in ne le spalle,
E sse mette ar telaro der ricamo
A llavorà li fiori de lo scialle.

4 febbraio 1835

Questa poesia è stata letta 1054 volte