Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Io ve dico accusí cche nun zò ttonta:
Io ve dico accusí, fijja mia bbella,
Che vvoi sete una bbrava puttanella,
Sete una bbona faccettaccia pronta.

Guarda si cche ffigura che ss’affronta!
Guarda che bber proscede da zitella!
Sí, zzitelluccia come la vitella
A ddu’ bbajocchi e mmezzo co la ggionta.

Tu ariviè a cciovettà cco mmi’ marito,
Si cce vòi avé ggusto: tu ariviecce
Un’antra vorta, gruggnettaccio ardito,

E mme te bbutto sopra quant’è vvero
La Madonna: t’aggranfio pe le trecce,
T’arzo la vesta, e tte fo er culo nero.

10 febbraio 1835

Questa poesia è stata letta 439 volte