Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er zalumaro ha ttrovo in d’un libbrone
Che un certo sor Dimenico Sgumano
E un certo sor Francesco Bennardone,
Quello spaggnolo e cquest’antro itajjano,

Volenno arzà ddu’ nove riliggione,
Er primo se vistí ddomenicano,
Mentre er ziconno se legò un cordone
Su la panza e sse fesce francescano.

Seiscent’anni e un po’ ppiú ggià ssò ppassati,
Che ppe ggrazzia der primo e dder ziconno
Sto par de fraterie cacheno frati.

Seiscent’anni! Oh vvedete quant’è antica,
Oh immagginate quant’è sparza ar monno
La vojja de campà ssenza fatica!

27 febbraio 1835

Questa poesia è stata letta 1089 volte