Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La causa de sti guai tiettelo a mmente,
Nun è la guerra, nun zò le staggione:
Tutto ne viè cch’ er zecolo presente
Nun conossce ppiú un cazzo riliggione.

Oggni quarvorta un Papa anticamente
Ussciva da Palazzo in carrozzone,
Se sentiveno turbini de ggente
Dí: «Ssanto Padre, la bbenedizzione.»

Ma a sti tempi che cqua cchi sse ne cura?
Chi jje la chiede adesso? Tutt’assieme,
Quattro vecchi, e ssí e nnò cquarche ccratura.

Co ttutto questo, io noto la costanza
Der povero sant’omo, che sse spreme
A spaccà ccrossce pe ssarvà ll’usanza.

25 marzo 1835

Questa poesia è stata letta 565 volte