Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Senti questa ch’è nnova. Oggi er curato
Ch’è vvenuto ar rifresco der battesimo,
Doppo unisci bbicchieri, ar dodiscesimo
Ch’er cervello je s’era ariscallato,

Ha ddetto: «Oh ccazzo! A un prete, perch’è nnato
In latino, è ppermesso er puttanesimo,
E ll’ammojjasse nò! Cquello medesimo
Che ppe un Grego è vvertú, ppe mmé è ppeccato!»

E sseguitava a ddí: «Cchi mme lo spiega
St’indovinello cqua? cchi lo pò ssciojje?
Nemmanco san Giuseppe co la sega.

Cosa sc’entra er parlà cquanno sse frega?
Che ddiferenza sc’è rriguardo a mmojje
Da la freggna latina a cquella grega?»

3 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 644 volte