Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CRAUSURA DE LE MONICHE

Giuseppe Gioacchino Belli

Oh cche ppurcinellata è sta crausura!
Rote, grate, rippari d’oggni sorte,
Catenacci, ferrate e inchiavatura
Ppiú cc’a li ladri condannati a mmorte;

E cco ttutta sta gran caricatura
Pe ttené cchiuse quattro bbocche storte,
Bbussa un Eminentissimo, e addrittura
Je vedi spalancà ttutte le porte.

Ah, ddunque nun è omo un Cardinale?
Forzi omo nun zarà, mma mmaschio è ccerto,
Perché ne tiè in possesso er capitale.

Nun zò de carn’ e dd’ossa st’angeletti
Pe vvia che la lavoreno ar cuperto?
Eh, ppotessi parlà ccasa Projetti!..

4 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 352 volte