Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZUCCHETTO DER DECÀN DE ROTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Vienuto appena a Mmonziggnor Decane
Er zucchetto, a Ssan Pietro, in piena Rota,
L’antri Uditori, tutta ggente ssciota,
Je se sò mmessi a sbatteje le mane.

Chi zzompava ar zonà de le campane:
Chi strillava: «Per oggi nun ze vota».
Chi ddimannava: «Se sa ggnente in nota
Chi cce ssia pe la ssedia c’arimane?»

Poi tutti: «Evviva er nostro Minentissimo!»
E cquello arisponneva: «Indeggno, indeggno»
E cquell’antri: «Dignissimo, dignissimo».

Poi Su’ Eminenza, co cquell’antri dietro,
È sccento pe le scale, è entrato in leggno,
E ha vvortato le natiche a Ssan Pietro.

6 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 1294 volte