Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE SCUSE DE GHETTO

Giuseppe Gioacchino Belli

In questo io penzo come penzi tu:
Io l’odio li Ggiudii peggio de te;
Perché nun zò ccattolichi, e pperché
Messeno in crosce er Redentor Gesú.

Chi aripescassi poi dar tett’in giú
Drento a la lègge vecchia de Mosè,
Disce l’Ebbreo che cquarche ccosa sc’è
Ppe scusà le su’ dodisci tribbú.

Ddefatti, disce lui, Cristo partí
Dda casa sua, e sse ne venne cqua
Cco l’idea de quer zanto venardí.

Ddunque, seguita a ddí Bbaruccabbà,
Subbito che llui venne pe mmorí,
Cquarchiduno l’aveva da ammazzà.

6 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 370 volte