Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI PADRONI DE ROMA

Giuseppe Gioacchino Belli

Eccheve li padroni c’a nnoi guitti
Ce cuscineno mejjo de li cochi,
Ché spesso sce trovamo tra ddu’ fochi
E da tutte le parte semo fritti.

Prima viè er Papa a conzolà l’affritti;
Doppo, li Cardinali, e nnun zò ppochi:
Poi viè cquell’antra fila de bbizzochi
De li Prelati, e mmette fora editti.

Dietro a li Cardinali e a li Prelati
Viengheno a ffà le carte sti Margutti
De capi de le regole de frati.

Poi viengheno a ttajjà la testa ar toro
L’Immassciatori, e ppoi prima de tutti
Le donne bbelle e li mariti lòro.

14 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 488 volte