Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE CAPPELLE PAPALE

Giuseppe Gioacchino Belli

La cappella papale ch’ è ssuccessa
Domenica passata a la Sistina,
Pe tutta la quaresima è ll’istessa
Com’è stata domenic’ a mmatina.

Sempre er Papa viè ffora in portantina:
Sempre quarche Eminenza canta messa;
E cquello che ppiú a ttutti j’interressa
Sc’è ssempre la su’ predica latina.

Li Cardinali sce stanno ariccorti
Cor barbozzo inchiodato sur breviario,
Com’e ttanti cadaveri de morti.

E nun ve danno ppiú sseggno de vita
Sin che nun je s’accosta er caudatario
A ddijje: «Eminentissimo, è ffinita».

14 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 1078 volte