Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER GIUVEDDÍ E VVENARDÍ SSANTO

Giuseppe Gioacchino Belli

Sò ppoche le funzione papaline:
Nun basteno la scena e la lavanna.
Pe ffà le cose com’Iddio commanna
Pare c’ar Papa tra ste du’ matine

Bbisoggnerebbe métteje una canna
In mano e in testa una coron de spine:
Poi fraggellallo a la colonna, e infine
Proscessallo e spidijje la condanna.

Disce: «Ma a Rroma nun ce sta Ccarvario».
Si cconzisteno cqui ttutti li mali
S’inarbera la crosce a Mmonte-Mario.

E llassú oggn’anno, a li tempi pasquali,
Ce s’averebbe da inchiodà un Vicario
De Cristo, e accanto a llui du’ Cardinali.

16 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 769 volte