Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Checchina ch'ha sposato er muratore,
co' tutto che sia giovene e sia bella,
seguita a fa' la serva e s'aranchella
piuttosto che casca ner disonore:

invece Mariettina, la sorella
che un anno fa ciaveva er senatore,
adesso sta a Pariggi e fa furore,
cià li quatrini e marcia in carettella.

Tu me dirai: — Va bè', ma mentre questa
se mette assieme li pappié da mille,
povera Checca se conserva onesta... —

In fonno nun hai torto: ma la gente
seguita a di' che Checca è un'imbecille
e che Manetta è stata inteliggente.

II

Invece de chiamasse Mariettina
se fa chiama Musetta, e j'hanno fatto
puro le cartoline cór ritratto
ch'avressi da vedé quant'è carina!

L'istessa madre sua, che doppo er fitto
la trattò da puzzona e d'assassina,
ner rivedella su la cartolina
se la guardò coll'occhio soddisfatto.

Anzi, dice che disse a la sartora:
— Nun me sta bene a me ché je so' madre,
ma adesso fa fichetto a una signora!

Eh! sposa mia! Se stasse in un cantone
quela benedett'anima der padre!
Povero vecchio! Che soddisfazzione!...



Questa poesia è stata letta 1154 volte