Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZEPORCRO IN CAPO-LISTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Chi vvò ggode un zeporcro stammatina
Che tt’arillegri e cche tte slarghi er core,
Bbisoggna annà a Ppalazzo, e avé l’onore
D’èsse in farde e dd’entrà a la Pavolina.

Che pparadis’in terra! che sprennore!
Quante cannele! e ttutta scera fina.
Pare un inferno! E tt’assicuro, Nina,
Che cce potrebbe stà un Imperatore.

Io sciappizzai l’antr’anno de sti tempi,
E mm’aricordo sempre d’avé ddetto
Che sti sfarzi che cqua ssò bbrutti esempi.

Per via ch’er Gesucristo de le cchiese
Che sse vede trattà da poveretto,
Pò ssartà in bestia e bbuggiarà er paese.

16 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 341 volte