Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER TRIBBUNALE DER GOVERNO

Giuseppe Gioacchino Belli

Eccoli cqua sti ggiudisci da jjanna
Che pporteno la spada e la pianeta.
Sò cquattr’anni e ’r proscesso nun ze manna
E la popolazzione ha da stà cquieta.

Pe cquer Cristo è una gran lègge tiranna!
Tené er distin d’un omo tra le deta,
E nun volé spidijje la condanna
Prima de fallo infrascicà in zegreta!

Doppo annata la causa a l’infinito
Caso c’un poveretto esschi innoscente
Chi jj’arifà cquell’anni c’ha ppatito?

E ss’è ppoi sentenziato dilinquente,
Quanno va ssu le forche è ccompatito,
Perché er dilitto nun ze tiè ppiú a mmente.

23 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 326 volte