Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA LEZZIONE DE PAPA GRIGORIO

Giuseppe Gioacchino Belli

Quanno sparò er cannone, Bbëatrisce
Dava la pappa ar fijjo piccinino:
Mi’ marito pippava, e Ggiuvacchino
Se spassava a mmaggnà ppane e rradisce.

Peppandrèa s’allustrava la vernisce
De la tracolla; e io stavo ar cammino
A accenne cor zoffietto uno scardino
De carbonella dorce e de scinisce.

M’aricorderò ssempre che ssonorno
Sedisci men un quarto. Io fesce allora:
«Sciamancheno tre ora a mmezzoggiorno».

Fra cquinisci e ttre cquarti e ssedisciora
Se creò ddunque er Zanto Padre, er giorno
Dua frebbaro che ffu la Cannelora.

25 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 346 volte