Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA DIPENNENZA DER PAPA

Giuseppe Gioacchino Belli

Disce c’a ssentí er Papa in concistoro
Quanno sputa quarc’antro cardinale
Sce sarebbe da facce un carnovale
Da venne li parchetti a ppeso d’oro.

Principia a inciafrujjà cche ppe ddecoro
De tutto quanto er monno univerzale
Vorrebbe dà er cappello ar tale e ar tale;
E cqui aricconta le prodezze lòro.

Ariccontate ste prodezze rare,
Passa a ddí: «Vvenerabbili fratelli,
Je lo volemo dà? cche vve ne pare?»

Detto accusí, ssenz’aspettà che cquelli
Je diino la risposta de l’affare,
Te li pianta e spidissce li cappelli.

27 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 300 volte