Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’USCELLETTI DE RAZZA

Giuseppe Gioacchino Belli

Doppo ch’er gatto tuo diede la fuga
Ar mi’ cardello, la madre Vicaria
M’arigalò un canario e una canaria
Ggiali come du’ scicci de lattuga.

Quanti sò ccari! Lei sciangotta, ruga,
Spizzica er becco ar maschio, e cce se svaria;
E questo canta, quanno sente l’aria,
Come er fischietto a acqua che sse suga.

Mó la femmina ar nido ha ffatto l’ova,
E cquanno va a mmaggnà la canipuccia
Presto vola er marito e jje le cova.

Si ttu vvedi la femmina, coll’ale,
Mezz’aperte covanno in quela cuccia,
Pare un Papa in zedione cor piviale.

30 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 1072 volte