Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI DU’ TESTAMENTI

Giuseppe Gioacchino Belli

«Ecco,» io disse ar giudio: «si ppiano piano
Vienghi a ddí cche li tu’ commannamenti
Sò uguali in tutt’e ddua li testamenti,
Pe cche mmotivo nun te fai cristiano?» –

«Badanài, nun zò bboni funnamènti»,
M’arispose Mosè: «nnoi, sor Bastiano,
Adoramo Iddio-padre, e ’r padre ha in mano
Li raggioni de tutti li parenti.

Sino ar giorno c’un padre nun è mmorto,
Bbe’ cc’abbi fatto testamènto, er fijjo
Dipenne sempre, e, ssi cce ruga, ha ttorto.

Er vostro Jjesucristo ha er padre eterno:
Io dunque, mordivoi, me maravijjo
Che cce possi mannà ttutti a l’inferno».

9 maggio 1835

Questa poesia è stata letta 979 volte