Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

UNA DIMANNA D’UN ZIGGNORE

Giuseppe Gioacchino Belli

L’avé ar monno ricchezze e pprencipati
Va bbene, ma è ppiú mmejjo l’èsse dotti,
Pe ttené ppronti llí, ccom’e ccazzotti
Li su’ termini truschi e ariscercati.

Ecco, a Ttivoli, er duca Lancellotti
Disse ar pranzo der Papa a ddu’ prelati:
«Ha vvisto li fonticoli, aridotti
A usanza de spasseggi alluminati?»

Er Papa ne fu ttanto perzuaso,
Che llí per lí jje s’arimpose er vino,
E jj’uscí ppe le natiche der naso.

Però cquanno un ziggnore è ppiccinino
Pe ffà bbona figura in oggni caso
Lo metteno a studià Ccisceroncino.

19 maggio 1835

Questa poesia è stata letta 1114 volte