Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MISSIONARIO DELL’INNIA

Giuseppe Gioacchino Belli

Nostro Siggnore, a cquella testa matta
Che mmó ppe cconvertí quarc’omo indiano
Se va a scapicollà ttanto lontano,
Sai che ccosa j’ha ddato? Una sciavatta.

Lui l’ha bbasciata, l’ha ppijjata in mano,
L’ha mmessa in una scatola de latta,
Eppoi drent’una bborza, tutta fatta
A strissce de villuto e ttaffettano.

Er prete porta un croscifisso e cquella,
E aridusce li popoli a la fede
Cor Cristo e la santissima sciafrella.

E ssi cc’è ppoi quarche ffijjo de mulo,
Che nun j’abbasta, se la mette in piede
E tte lo fa cristiano a ccarci in culo.

20 maggio 1835

Questa poesia è stata letta 1110 volte