Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER VIAGGIO ALL’ESTRO

Giuseppe Gioacchino Belli

Forzi sarà bbuscía, ma cquarchiduno
Che sta in artis e ccrede de sapello
Disce c’ar Papa je va pp’ er cervello
D’uggne le rote e scarrozzà a Bbelluno.

Bbravo! farà bbenissimo; e ggnisuno
Pò nnegajje c’un viaggio com’e cquello
È ssempre mejjo che de stà a Ccastello
A ppescacce le tinche p’ er diggiuno.

Quadrini n’ha d’avanzo: passaporto
Se lo firma da sé: ddunque ha rraggione,
E accidentacci a llui chi jje dà ttorto.

Eppoi, quer tornà Ppapa tra pperzone
Che tt’hanno visto scicorietta d’orto
Dev’èsse un gran gustaccio bbuggiarone.

26 maggio 1835

Questa poesia è stata letta 1061 volte