Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che cosa?

Aldo Fabrizi

E' un'Opera d'ingegno e fantasia,
una grazia de Dio che s'assapora:
l'unico tranquillante che rincora
sia er popolino che la borghesia.

E' un sole in panza, e' Mamma caloria
che tira su chi sciopera e lavora, e' l'unico miracolo che ancora
po' uni' mezz'ora ar giorno 'na famija.

Quanno m'ariva sopra ar tavolino,
er core me comincia a sartella', felice de sentissela vicino:

e mentre resto un attimo incantato...
si penso a quello che diventera',
me pare de commette un gran peccato.
E' un'Opera d'ingegno e fantasia,
una grazia de Dio che s'assapora:
l'unico tranquillante che rincora
sia er popolino che la borghesia.

E' un sole in panza, e' Mamma caloria
che tira su chi sciopera e lavora,
e' l'unico miracolo che ancora
po' uni' mezz'ora ar giorno 'na famija.

Quanno m'ariva sopra ar tavolino,
er core me comincia a sartella',
felice de sentissela vicino:

e mentre resto un attimo incantato... si penso a quello che diventera', me pare de commette un gran peccato.



Questa poesia è stata letta 5183 volte