Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Cristo perdona oggni peccato: usuria,
Cortellate, tumurti der paese,
Bbuscíe, golosità, ccaluggne, offese,
Sgrassazzione in campaggna e in ne la curia,

Tutto: ma in vita sua la prima ingiuria
Ch’ebbe a vvede ar rispetto de le cchiese,
Lui je prese una bbuggera, je prese,
Ch’esscí de sesto e ddiventò una furia.

E ffascenno la spuma da la bbocca
Se messe a ccurre in ner ladrio der tempio
Cor un frustone, e ggiú a cchi ttocca tocca.

Questa è ll’unica lite c’aricorda
Er Vangelo de Cristo, e nnun c’è esempio
Che mmenassi le mane un’antra vorta.

28 maggio 1835

Questa poesia è stata letta 473 volte