Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Io nun trovo dilizzia uguale a cquesta
Che de stamme a spurcià ssera e mmatina
La camiscia, er corzè, la pollacchina,
Le legacce e le grespe de la vesta.

Si le purce sò assai, pe ffalla lesta
Le sgrullo tutte in d’una cunculina:
Si nnò l’acchiappo co le mi’ detina,
Je do una sfranta, eppoi je fo la festa.

Oggnuno ha li su’ gusti appridiletti.
Io ho cquello de le purce, ecco, e mme piasce
D’acciaccalle e ssentí cqueli schioppetti.

E cche ddirete der nostro Sovrano,
Che sse ne sta a ppalazzo in zanta pasce
A ccacciasse le mosche er giorno sano?

11 agosto 1835

Questa poesia è stata letta 1237 volte