Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Questo pell’arte è un gran zecolo raro!
Viè er padrone e mme disce: «Furtunato,
Va’ cqui ggiú da Scipicchia er mi’ libbraro,
Che tte dii quer Bruttarco c’ho ccrompato».

Vado, lui me dà un libbro, e, «Ffratel caro,»
Disce, «guardate che nun è ttajjato.»
Io me lo pijjo, e usscito che ssò ar chiaro
L’opro e mm’accorgo ch’è ttutto stampato.

Stampà un libbro va bbe’; mma inventà ll’usi
Da potesse poté stampà la stampa
Su le facciate de li fojji chiusi!

Io sce scommetto, che ssi cqua sse campa
Un po’ ppiú a llongo, l’ommini sò mmusi
Da fa scrive un zomaro co la zampa.

21 agosto 1835

Questa poesia è stata letta 1069 volte