Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER LUTTO P’ ER CAPO DE CASA

Giuseppe Gioacchino Belli

Circa a la morte sua nun guardà, Llello,
Che la povera vedova e li fijji
Pàreno tutt’e ttre ggrassi e vvermijji,
Perché una cosa è ccore, una è ccervello.

Cocco mio, si li ggiudichi da quello
Tu ppijji un fischio per un fiasco, pijji.
Nun je li vedi a llei queli scompijji
Neri, e a llòro er coruccio sur cappello?

Nun vanno mai... ciovè vvanno pe ttutto
Ma ssempre addolorati, poveracci!,
E stanno addietro sin che ddura er lutto.

Anzi lei disse jjeri a ccert’amiche:
«Nun vedo l’ora de bbuttà sti stracci
Pe rrifà un po’ de le caggnare antiche».

23 agosto 1835

Questa poesia è stata letta 1095 volte