Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CRUDERTÀ DE NERONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Nerone era un Nerone, anzi un Cajjostro;
E ppe l’appunto se chiamò Nnerone
Pell’anima ppiú nnera der carbone,
Der zangue de le seppie, e dde l’inchiostro.

Quer lupo, quer caníbbolo, quer mostro
Era solito a ddí nnell’orazzione:
«Dio, fa’ cche ttutt’ er monno abbi un testone
Pe ppoi ghijjottinallo a ggenio nostro».

Levò a fforza er butirro a li Romani,
Scannò la madre e ddu’ mojje reggine,
E ammazzò ttutti quanti li cristiani.

Poi bbrusciò Rroma da Piazza de Ssciarra
Sino a Ssanta-Santòro, e svenò arfine
Er maestro co ttutta la zzimarra.

26 agosto 1835

Questa poesia è stata letta 1462 volte