Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER LEGGE E SCRIVE

Giuseppe Gioacchino Belli

E a cche tte serve poi sto scrive e llegge?
Làsselo fà a li preti, a li dottori,
A li frati, a li Re, a l’Imperatori,
E a cquelli che jje l’obbriga la lègge.

Io vedo che cce sò ttanti siggnori
Che Ccristo l’arricchissce e li protegge,
E nnun zann’antro che rròtti, scorregge,
Sbavijji, e strapazzà li servitori.

Bbuggiarà ssi in ner cor de le famijje
L’imparàssino ar piú li fijji maschi;
Ma lo scànnolo grosso è nne le fijje.

Da ste penne e sti libbri mmaledetti
Ce vò ttanto a ccapí ccosa ne naschi?
Grilli in testa e un diluvio de bbijjetti.

27 agosto 1835

Questa poesia è stata letta 427 volte